Torino - CASEIFICO ROSARIO Sogni divenuti realtà

di Angela Merolla

E’ questo un racconto che arriva da lontano.

Inizia precisamente nel 1959 la storia di Rosario Vecchione, quando ventenne partì da Salerno per cercare fortuna a Torino.

Erano tempi difficili per chi arrivava al nord con pochi soldi in tasca e tanti sogni in una valigia; in quei tempi quando fuori dai locali pubblici si leggeva “VIETATO L’INGRESSO AI MERIDIONALI”.

Nonostante giovanissimo, Rosario aveva già un’ottima formazione nell’arte pasticcera che  unitamente all’intraprendenza e alla volontà di affermarsi, gli diedero la possibilità quasi nell’immediato, di farsi notare e apprezzare per le sue qualità professionali.

Erano gli anni ’60 e d’allora non ha mai smesso di lavorare, non un giorno libero, affermandosi nel panorama torinese con una propria pasticceria e poi successivamente portando in Piemonte la buona mozzarella di bufala.

Prima di giungere al sud, i primi allevamenti di bufale sembra si siamo insediati nel VI secolo proprio nel nord Italia, ad opera dei Longobardi, per cui sul territorio se ne  rivendicano i natali.

Ad ogni modo, per la voglia di portare un’ulteriore tipicità meridionale in Piemonte, Rosario Vecchione approfondì la ricerca sugli allevamenti di bufale della regione fino a giungere a Caraglio in provincia di Cuneo e trovare lì la materia prima idonea per il suo progetto caseario.

Oggi da questo allevamento di 1800 bufale Moris, ogni mattino partono autobotti colme di buon latte di bufala piemontese dirette al Caseificio Rosario di Torino.

Sono cinque i punti vendita Rosario, di cui uno annesso al laboratorio che si colloca con grandi vetrate a vista, proprio a fronte strada e al locale di vendita, tanto da offrire una continua visione della lavorazione artigianale giornaliera del caseificio.

Per il piacere del palato, non solo formaggi nei punti vendita, ma anche svariate chicche enogastronomiche di altre regioni.  

Regina assoluta delle produzioni Rosario è senza dubbio la mozzarella di bufala, dal caratteristico sapore muschiato derivante dai terreni acquitrinosi dove la bufala è solita pascolare.

La produzione è molto ampia e prevede giornalmente: Perline di bufala,bocconcini, mozzarella di varie pezzatura, treccia, sfoglia, scamorza, ricotta, tutto rigorosamente di bufala, prodotti affumicati e formaggi di pasta filata al mascarpone e noci, olive, erbette e peperoncino, rotoli farciti, ma tanto altro ancora fino ai formaggi stagionati come la Tomosina o il Castelmino ovviamente da latte 100% di bufala piemontese.

Sogni di gioventù divenuti realtà, una storia a lieto fine, ma che ha ancora tanto da raccontare, sicuramente rimarcando ancora: professionalità, rigore e qualità.

Carca nel Sito

Sfoglia i contenuti 

Iscriviti alla newsletter! Una volta al mese ti manderò dei contenuti nuovi oppure, di tanto in tanto, ti informerò di qualche nostra iniziativa . Portrai sempre cancellare la tua iscrizione seguendo i link.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.