Il nostro Chianti parla cinese e anche il linguaggio internazionale

- di Giovanna Angelino -

Dopo l’invasione commerciale dall’Oriente finalmente un’inversione di tendenza

Il Chianti diventa Shiandi, dopo un percorso molto lungo è stato registrato il marchio Chianti docg in caratteri cinesi. La nuova etichetta verrà utilizzata per le bottiglie esportate nella terra degli “occhi a mandorla”. Si tratta di una grande conquista per il made in Italy nel mondo, un riconoscimento dell’originalità e della qualità italiane.

Da anni soprattutto i vini italiani subiscono colpi bassi, per colpa delle numerose imitazioni immesse sui mercati, vere e proprie truffe che non sempre vengono smascherate.

Il mercato cinese conta cifre da capogiro, con una popolazione che sfiora 1,3 miliardi e che rappresenta un ottimo investimento a lungo termine dalle potenzialità enormi. Secondo sondaggi Nomisma per il mercato cinese si prevede un incremento dell’export di vini italiani del 3,3%. Per i vini toscani si prevede una crescita delle esportazioni pari all’11,3%.

Giovanni Busi, presidente del consorzio di vino Chianti, si dice molto soddisfatto del risultato raggiunto, frutto di un intenso lavoro di promozione internazionale.

L’Italia del vino è stata spesso nel mirino di imprenditori stranieri: cinesi e coreani.  Qualche anno fa un imprenditore cinese di Hong Kong acquistava un’azienda agricola proprio nel territorio del Chianti.

C’è da chiedersi se valga sempre il proverbio in base al quale sono gli affari che muovono il mondo; se così fosse bisognerebbe preoccuparsi, perché già molti imprenditori stranieri sono entrati nei consorzi e nelle eccellenze dei nostri territori.

Se per tutto c’è un prezzo e negli affari tutto è permesso, il made in Italy a questo punto dovrebbe adeguarsi ed esportare uve di dubbia provenienza con etichette di dubbia destinazione, tanto ogni mondo è paese.

Carca nel Sito
Sfoglia i contenuti
Iscriviti alla newsletter! Una volta al mese ti manderò dei contenuti nuovi oppure, di tanto in tanto, ti informerò di qualche nostra iniziativa . Portrai sempre cancellare la tua iscrizione seguendo i link.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.