Nomination di Franciacorta al Wine Star Award 2018

- di Giovanna Angelino -

E’ stata la rivista Wine Enthusiast ad assegnare la nomination di “Wine Region of the Year” al territorio  Franciacorta, dal quale prende nome il famosissimo vino spumante.

La collina Franciacorta, infatti, si trova fra il lago d’Iseo e Brescia; fra le molte ipotesi riguardo a questo nome, vi è quella che esso sia dovuto alla permanenza dei francesi sotto Carlo Magno. Ancora si pensa che “Francia curta” si sia chiamata quella parte di Brescia non concessa per molto tempo ai francesi o “Corte franca”, perché non fu soggetta ai dazi a differenza di altri territori.

Restando nella storia di questa bellissima regione, molti rinvenimenti fanno pensare che già in epoca preistorica nell’attuale Franciacorta vi erano vitigni.

La partecipazione al Wine Star Award conferma la qualità, ma anche l’impegno profuso dalle aziende per promuovere il Franciacorta nel mondo. Da apprezzare l’enorme sforzo del 70% delle cantine diventate certificate biologiche negli ultimi anni, mentre le restanti sono in fase di certificazione.

Questo riconoscimento rappresenta per il territorio un traguardo importante, perché in questo modo “Franciacorta” entra a far parte a pieno titolo del panorama del vino internazionale.

Si preannuncia una gara all’ultima bollicina, perché il Franciacorta sarà in competizione con lo Champagne, con Sonoma County, facente parte della “Wine Country of California” (una delle contee americane con la più grande produzione agricola), con l’australiana McLaren Vale e la spagnola Galizia.

 

Giovedì 8 novembre 2018 si sapranno i nomi dei vincitori e il 28 gennaio 2019 durante la cerimonia di gala al Nobu Eden Roc di Miami, Florida verranno consegnati i trofei del Wine Star Award.

Infine, alla prestigiosa competizione internazionale parteciperà Pietro Ratti, enologo e produttore di Barolo, Cantina Paltrinieri con il Lambrusco di Sorbara e per la categoria “Importer of the Year”,  Ethica Wines, importatore di vini dalla Puglia, Sicilia e Piemonte, che opera da anni  a San Diego e Singapore.

La qualità e l’eccellenza “Made in Italy” ritornano con enorme grinta ad occupare il posto di prestigio che spetta di diritto ai prodotti italiani, nonostante i numerosi tentativi di imitazione messi in atto da paesi per i quali la commercializzazione e i profitti vengono al primo posto.

Carca nel Sito

Sfoglia i contenuti 

Iscriviti alla newsletter! Una volta al mese ti manderò dei contenuti nuovi oppure, di tanto in tanto, ti informerò di qualche nostra iniziativa . Portrai sempre cancellare la tua iscrizione seguendo i link.

Scrivi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.